Nessun* è tenut* a rimanere la persona che è nata

La nuova narrazione transgender attraverso il viaggio di Pajtim Statovci nel romanzo “Le transizioni” (Sellerio, 2020)

Posso scegliere cosa sono, posso scegliere il mio sesso, la mia nazionalità e il mio nome, il luogo di nascita, semplicemente aprendo la bocca. Nessuno è tenuto a rimanere la persona che è nata, possiamo ricomporci come un nuovo puzzle.

L’accento va naturalmente sulla parola scegliere. Bujar, protagonista de Le transizioni di Pajtim Statovci, insiste per tutto il romanzo sul concetto di scelta, di riguadagnare la propria libertà non come libertà di vivere (o sopravvivere) ma come libertà di scegliere e autodeterminarsi. Non è il voler semplicemente essere quello che si è, ma il voler diventare altro: la transizione e la migrazione come scelta. Di questo abbiamo bisogno.

Ma partiamo dall’inizio. Bujar ha ventidue anni, è nato a Tirana, e nel 1991 ha deciso di intraprendere un viaggio insieme al suo migliore amico per attraversare l’Adriatico e raggiungere le coste italiane. Quello che non sanno è che l’Europa nutre un profondo disprezzo per gli albanesi, che cozza con quell’antico orgoglio nazionale che Bujar aveva incontrato nei miti della sua famiglia. Quando dunque arriva in Italia, per prima cosa Bujar brucia le navi in porto, abbandona ogni legame con il passato, perfino i ricordi. Scopre presto che questo nuovo vecchio-mondo ha poco da offrire a quelli come lui. Prevale l’amarezza, e ricomincia il viaggio. Berlino, Madrid, New York, Helsinki — dove Bujar può di volta in volta ricominciare la sua vita da zero, reinventarsi come uno studente italiano, una ragazza spagnola o una giovane in fuga dalla guerra in Bosnia. A ogni tappa conosce persone e coltiva interessi. Riracconta sé stesso, prendendo a prestito le vite degli altri e facendole proprie, diventa protagonista delle loro storie, le incarna e le vive sulla sua pelle come un attore stanislavskiano.

Come si può immaginare, l’esperienza transgender di Bujar ha radici molto diverse dalla maggior parte della retorica trans* occidentale. Non ha nulla a che spartire con i cosiddetti “nat* nel corpo sbagliato”, rientra invece in una più ampia sperimentazione di definizione di sé. L’esperienza trans* non è un accidente di natura biologica o psichica o magica, ma è parte di un percorso di autoconoscenza che mette da parte la schematica delle identità precostituite a favore di un lavoro creativo autenticamente queer.

Quello che Bujar mette in campo non è la legittimità dell’identificazione con un genere diverso da quello assegnato alla nascita, ma la possibilità di una identificazione multipla, non-binaria per definizione, in quanto radicalmente instabile e difficilmente conciliabile con i vincoli legali e socioculturali del nostro mondo. Il soggetto trans* di Statovci sta vivendo la scoperta di sé in una dimensione laica e incarnata, un’esperienza umana che, sembra suggerire, dall’alba dei tempi viene soffocata da costrutti identitari di ogni sorta (nazionali, razziali, di genere e di classe…).

Chi ha detto che scegliere qualcosa è rinunciare al resto?

Laica è l’esperienza di Bujar in un duplice senso: è, per quanto possibile, scevra di schemi precostituiti, fino al limite di far intendere alcuni aspetti del personaggio senza nominarli, sottraendoli cioè alle ulteriori connotazioni del linguaggio. Ma laica anche come esperienza dell’abbandono. Bujar, esso stesso abbandonatore seriale di mondi e di affetti, ha vissuto in prima persona l’abbandono come conseguenza della scelta. L’abbandono di “casa” come luogo con un valore identitario, l’abbandono dei miti del popolo albanese, e in ultimo l’abbandono del concetto stesso di appartenenza identitaria. Perdere il proprio passato, perdere Dio e la parola materiale che delinea il proprio posto nel mondo, separa ciò che siamo da ciò che non siamo.

Bujar chiede a gran voce una legittimazione in quanto persona non-personaggio, anti-archetipo, possibile solo nel contesto di una letteratura della complessità. E senza dubbio la complessità è un elemento onnipresente in Le transizioni. Questo tipo di narrazione si scontra tuttavia con la necessità di una definizione delle identità a scopi di rivendicazioni politiche. L’attivismo queer è un attivismo culturale assolutamente fondamentale, ma per muovere il discorso pubblico occorre disporre delle parole per circoscrivere ciò di cui si sta parlando, anche e forse soprattutto se usate in prima persona. “Allargare,” scrive Durastanti a proposito della wokeness, “la platea di chi disegna le regole, auspicando che queste presenze siano portatrici di idee di giustizia sociale”.

Statovci sfrutta a pieno le possibilità del romanzo, mettendo in scena un soggetto politico classificabile sì come “trans” e “migrante”, ma non riducibile a queste classificazioni, un soggetto che moltiplica le istanze, le estende nel tempo della sua vita e nello spazio dei suoi viaggi. E così, categorie già decostuite o parimenti decostruibili, si fondono dietro alla pretesa di Bujar di un riconoscimento in quanto persona, nella sua scelta di autodeterminarsi.

24, from Italy. I work in Media and Communication, interested in literature, tech and LGBTQ+ topics. [he/him]

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store